Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.

 

Biomet
 
 

Informazioni per i pazienti

La sostituzione della spalla

Cos'è la sostituzione della spalla?
L'intervento di sostituzione della spalla sostituisce le superfici danneggiate dell'articolazione con componenti artificiali. Solitamente le parti sono due: il componente emisferico, che sostituisce la testa dell'omero e quello glenoideo, che sostituisce la glena. Il componente omerale è costituito da una emisfera fissata ad uno stelo, entrambi metallici, che si adatta perfettamente all'omero. Il componente glenoideo solitamente è in materiale plastico, e alcune versioni prevedono un rivestimento metallico posteriore.

Esistono due tipi di sostituzione della spalla: la sostituzione totale della spalla e il rivestimento dell'articolazione.

Sostituzione totale della spalla
La sostituzione totale della spalla prevede la sostituzione della testa dell'omero e del componente glenoideo. In funzione del tipo di danno subito alla spalla, il chirurgo può decidere di sostituire solo la testa dell'omero, con una procedura chiamata emiartroplastica.

I componenti esistono in diverse dimensioni e misure; per le protesi cementate si utilizza il cemento osseo come mezzo per stabilizzare i componenti nell'osso, per quelle non cementate, invece, i componenti sono progettati specificamente per consentire all'osso di crescere all'interno della superficie dell'impianto. Come per l'articolazione naturale, anche per la protesi, la stabilità è garantita dai muscoli e dai tendini. A volte, quando la struttura tendinea è gravemente danneggiata, è necessario sostituire la testa dell'omero con una coppa e la cavità glenoidea con una una sfera; in questi casi si parla di protesi inversa. Altre volte, invece, si ricorre invece al rivestimento dell'articolazione.


                      Spalla sana                           Spalla artritica

Gli impianti sostitutivi della spalla utilizzano leghe metalliche e polietilene (materiale plastico) per ripristinare il movimento e ridurre o eliminare il dolore. Gli impianti sono studiati per creare una nuova articolazione perfettamente funzionante, che impedisca il contatto doloroso dell'osso sull'osso. Il chirurgo può decidere di sostituire l'articolazione nella sua totalità o solo parzialmente, in funzione delle condizioni fisiche e del danno provocato dall'artrite.

Rivestimento della testa omerale
Il rivestimento è un'alternativa alla sostituzione totale della spalla. Il chirurgo riveste l'osso danneggiato e la cartilagine che si trova alle estremità delle ossa dell'articolazione. Questa opzione non è indicata a tutti: sarà il chirurgo a valutare e decidere di volta in volta quale è la migliore soluzione per la sua condizione.

L'intervento chirurgico
L’intervento per la sostituzione della spalla dura circa due ore. L'incisione è lunga 15 - 20 cm e viene effettuata sulla parte anteriore o laterale dell'articolazione della spalla. Solitamente l'intervento viene effettuato in anestesia generale.

Recupero funzionale
Uscito dalla sala operatoria il paziente indosserà un tutore e dovrà continuare a indossarlo per tutto il tempo stabilito dal fisioterapista. La durata della degenza post-operatoria dipende da numerosi fattori e sarà il chirurgo a indicargliela.