Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.

 

Biomet
 
 

Informazioni per i pazienti

Domande e risposte

Qui a seguito potrà leggere alcune risposte alle domande più frequenti sulla sostituzione di un'articolazione.
 
D: Chi dovrebbe sottoporsi a un intervento di sostituzione di un'articolazione?
R: Gli interventi chirurgici di sostituzione delle articolazioni sono particolarmente indicati per i pazienti affetti da dolore cronico alle articolazioni, causato dall'artrite, tale da iterferire con le attività quotidiane, il camminare, l'esercizio fisico e lo svago. L’obiettivo di tali interventi è offrire sollievo dal dolore, ripristinare l'indipendenza dell'individuo e consentire ai pazienti di lavorare ed eseguire le loro normali attività quotidiane.
 
D: La sostituzione dell’articolazione è efficace?
R: Dopo un intervento chirurgico di sostituzione totale di un'articolazione, molti pazienti sperimentano riduzione del dolore, aumento della mobilità e miglioramento della qualità di vita. Le prestazioni e la durata di una protesi dipendono da molti fattori, tra cui le condizioni del paziente prima dell'intervento, la sua anatomia, il peso corporeo, l'attività fisica e l'intenzione di seguire le istruzioni del chirurgo prima e dopo l'intervento. L'intervento su un'articolazione implica potenziali rischi e richiede un periodo di degenza in ospedale. I risultati individuali possono variare e solo un chirurgo ortopedico è in grado di determinare se l'intervento sia indicato per un dato paziente.
 
D: Quali sono le possibili complicazioni di un intervento di sostituzione totale di un'articolazione?
R: Sebbene non capiti spesso, è possibile che si manifestino complicazioni durante e dopo l'intervento. Alcune possibili complicazioni sono, ad esempio, infezioni e coaguli ematici. Per evitare tali situazioni i chirurghi adottano misure preventive, tra cui la prescrizione di antibiotici e di anticoagulanti, prima e dopo l'intervento. Sebbene un intervento di impianto riesca perfettamente nella maggior parte dei casi, alcuni pazienti continuano a sperimentare dolore e rigidità. Fattori quali le attività post-chirurgiche del paziente e il suo peso corporeo possono influenzare la durata dell'impianto. È meglio discutere tali rischi col chirurgo, che sarà in grado di rispondere a qualsiasi domanda.
 
D: Quando dovrei sottopormi a questo tipo di intervento?
R: Il suo medico deciderà se lei sia o meno un buon candidato per questo intervento. La decisione si baserà sull’anamnesi, sugli esami e sulle radiografie.
 
D: Sono troppo anziano per questo intervento?
R: L'età in genere non è un problema se il paziente gode di salute relativamente buona e desidera continuare a vivere una vita attiva. Si rivolga al suo medico per un'opinione relativa al suo stato generale di salute e alla sua preparazione all'intervento.
 
D: Quanto dura la degenza in ospedale dei pazienti sottoposti a sostituzione totale delle articolazioni?
R: In passato, un paziente poteva aspettarsi di restare in ospedale per 3–10 giorni, seguiti da almeno sei mesi di difficile terapia, prima di ritornare alle normali attività. Oggi dopo un intervento con le ultime tecnonogie, il tempo di degenza può ridursi, con un ritorno significativamente più rapido alle normali attività e la riduzione del dolore post-operatorio.
 
D: Quali tipi di attività i pazienti possono aspettarsi di svolgere dopo la sostituzione di un’articolazione?
R: Dipende da numerosi fattori, tra cui il tipo di intervento, lo stato di salute generale e la capacità individuale di recupero. Di solito i pazienti sono in grado di riprendere alcune attività a basso impatto entro poche settimane dall'intervento. I chirurghi in genere scoraggiano i pazienti dal dedicarsi ad attività ad alto impatto, quali la corsa e gli sport intensivi.