Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.

 

Biomet
 
 

Informazioni per i pazienti

La sostituzione dell'articolazione del ginocchio

Che cos’è la sostituzione del ginocchio?

La sostituzione del ginocchio è un intervento chirurgico che sostituisce l’articolazione naturale del ginocchio con componenti in metallo e materiali plastici. Durante l’intervento si rimuovono l’estremità inferiore dell’osso della coscia (femore) e quella superiore dell’osso della gamba (tibia), il primo viene sostituito con un componente di metallo mentre il secondo con uno in materiale plastico e metallo. In alcuni casi, inoltre, si ricostruisce anche la superficie della parte posteriore della rotula (patella).
L’intervento è finalizzato ad alleviare il dolore normalmente causato dall’usura e dalla lacerazione dell’articolazione del ginocchio. L’intervento può aumentare anche la mobilità del ginocchio.Knee Joint Replacement

Esistono due tipi di sostituzioni protesiche del ginocchio

Sostituzione parziale del ginocchio
Una sostituzione parziale del ginocchio è un intervento che avviene quando solo una parte del ginocchio è usurata. Durante l’intervento si ricostruisce unicamente la superficie della parte danneggiata del ginocchio.

Sostituzione totale del ginocchio
L’articolazione del ginocchio è una delle più grandi e complesse del corpo. Il ginocchio si compone dalla parte inferiore dell’osso della coscia (femore), che ruota sull’estremità superiore dell’osso della gamba (tibia) e dalla rotula (patella) che scivola in una cavità sull’estremità del femore. I grandi legamenti attaccati al femore e alla tibia servono a conferire stabilità. I lunghi muscoli della coscia danno forza al ginocchio.
L’artroplastica totale del ginocchio comporta la sostituzione della parte ferita o danneggiata del ginocchio con parti artificiali. Il ginocchio nuovo sarà formato da un componente in metallo sull’estremità del femore, da un distanziatore in materiale plastico e metallo sull’estremità superiore della tibia e, se necessario, da un dischetto in materiale plastico sulla patella.

Per eventuali domande si rivolga al suo medico di fiducia o al chirurgo ortopedico.

Per maggiori informazioni su Biomet, e per conoscere storie di pazienti che hanno già subito l’intervento di sostituzione del ginocchio consultate il sito www.oxfordknee.net dove l’ex pilota della RAF Allen Jones racconta come ha vinto il dolore al ginocchio .

Il ritorno alle proprie attività

L’intervento
L’intervento generalmente dura tra una e due ore e la degenza del paziente in ospedale varia dai 3 ai 10 giorni. L’intervento viene eseguito con un’incisione sulla parte frontale del ginocchio, lunga dai 10 ai 20 centimetri. I punti o le clip di sutura possono essere riassorbibili; in caso contrario occorre rimuoverli dopo circa due settimane dall’intervento.

Recupero funzionale
Il tempo che occorre ad un paziente per tornare a casa dipende da vari fattori, tra questi, molto importante è la situazione sociale: le persone che vivono in case ad un solo piano o in appartamenti che abbiano bagni al piano inferiore tornano a casa prima di coloro che devono fare molte scale. Chi può contare sul supporto di un assistente o un familiare può riuscire a tornare a casa prima rispetto a coloro che vivono da soli.

Ritorno al lavoro
Il ritorno al lavoro avviene normalmente dopo circa tre mesi, ma vi sono molte persone, specie quelle che svolgono lavori sedentari, che possono tornare in tempi più rapidi. Ogni persona è diversa e sarà il medico a consigliarvi quale sarà il momento giusto per tornare al lavoro.