Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.

 

Biomet
 
 

Informazioni per i pazienti

La sostituzione del gomito

Cos'è la sostituzione del gomito?

La sostituzione dell’articolazione del gomito (omero-ulno-radiale) prevede che vengano sostituiti entrambe le estremità articolari con protesi di tipo cementato o non cementato. Il componente superiore del braccio (omero) e dell'avambraccio (ulna) sono realizzati in metallo e materiale plastico. Solitamente l’accesso all'articolazione del gomito avviene posteriormente e i muscoli vengono allontanati. Le superfici danneggiate dell'articolazione sono rimosse e le diafisi (parte centrale dell’osso lungo) dell'ulna e dell'omero vengono preparate per l'inserimento dei componenti, che solitamente sono fissati con il cemento osseo.

                             
              Gomito sano                                                                  Gomito artitico

Gli impianti sostitutivi della spalla, del gomito e del polso utilizzano leghe metalliche e polietilene (materiale plastico) per ripristinare il movimento e ridurre o eliminare il dolore. Gli impianti sono studiati per creare una nuova articolazione perfettamente funzionante, che impedisca il contatto doloroso dell'osso sull'osso. Il chirurgo può decidere di sostituire interamente l'articolazione o solo in parte, a seconda delle condizioni fisiche del paziente e dell'estensione del danno provocato dall'artrite.

L’articolazione del gomito

Il gomito si compone di tre compartimenti (omero, ulna e radio), che forniscono due tipi di movimento: l'omero e l'ulna consentono il movimento a cerniera, mentre l'omero e il radio consentono il movimento rotazionale. Le superfici dell'articolazione sono ricoperte di cartilagine, che funge da ammortizzatore tra le ossa. La cartilagine può essere danneggiata da numerosi fattori, quali fratture, osteoartrite, artrite infiammatoria o artrite reumatoide. Se l'articolazione è stata danneggiata dall'artrite reumatoide, la cartilagine non è più in grado di produrre una lubrificazione sufficiente e questo comporta perdita di movimento e dolore al gomito.
I recenti progressi tecnologici e i nuovi strumenti chirurgici disponibili per gli impianti del gomito offrono ai chirurghi un numero maggiore di opzioni per alleviare il dolore e ripristinare la funzione dell'articolazione.

Come nel caso della sostituzione completa del ginocchio e dell'anca, la cartilagine e l'osso del gomito sono sostituiti da un impianto artificiale. Data l'elevata presenza di nervi, capillari e tessuti molli, il gomito può essere un'articolazione complicata da operare.

L'intervento chirurgico

L’intervento chirurgico dura in genere una o due ore, a seconda del metodo chirurgico adottato. Generalmente il paziente rimane in ospedale per 4 o 5 giorni, ma poiché ciò dipende da numerosi fattori, sarà il chirurgo a informare il paziente sulla lunghezza della degenza.