Biomet is now Zimmer Biomet

X

Messaggio di consenso


Questo sito Web può impostare uno o più cookie sul tuo computer. Per informazioni sui cookies in generale, e su quelli specifici che possono essere impostati da questo sito, si prega di leggere la nostra Policy sui cookie. Per informazioni sulla gestione dei cookie, incluso su come evitare che vengano impostati sul computer, visitare il sito web All About Cookies. L'uso continuato di un sito web Biomet sarà considerato da noi come manifestazione del vostro consenso all’impostazione da parte nostra di uno o più cookie sul vostro computer.

 

Biomet
 
 

Informazioni per i pazienti

Le opzioni per la sostituzione dell’anca

I tipi di protesi: cementate e non cementate

Nella sostituzione totale dell'anca, esistono due possibilità per fissare i componenti femorale e acetabolare all’osso: la prima è di utilizzare il cemento osseo come mezzo per stabilizzare i componenti nell'osso, la seconda è di usare componenti ”non cementati”, progettati specificamente per consentire all'osso di crescere all'interno della superficie dell'impianto. La scelta del tipo di componente dipende da una varietà di fattori, non ultimo le condizioni dell'osso del paziente, il suo chirurgo ortopedico le suggerirà la soluzione migliore.

I componenti cementati durano almeno 10 anni, trascorsi i quali generalmente devono essere sostituiti. Gli impianti fissati direttamente all'osso “non cementati” possono durare anche più a lungo.

I materiali dell’articolazione artificiale per l’anca

La protesi d’anca è costituita da diversi componenti che possono essere realizzati in leghe metalliche (leghe di Titanio o di Cobalto-Cromo), ceramica o materiale plastico (polietilene).

Polietilene, ceramica o metallo
Il chirurgo ha a sua disposizione numerose possibilità per quanto riguarda le superfici di articolazione. La superficie di articolazione è dove avviene il movimento dell'articolazione. Nel caso dell'anca, coincide con il punto in cui la testa del componente femorale incontra l'acetabolo. Per garantire un movimento fluido, la superficie dell'articolazione deve avere determinate caratteristiche. Attualmente gli accoppiamenti più comuni sono con il polietilene, le leghe metalliche o la ceramica. Ogni materiale presenta vantaggi specifici, che il chirurgo valuterà in relazione alle necessità del paziente.

  • Il polietilene

Il polietilene (materiale plastico) è un materiale eccellente per l'articolazione dell'anca ed è utilizzato ormai da decenni per gli impianti ortopedici. Metodi innovativi di produzione dei componenti in polietilene, inventati e brevettati da Biomet, permettono di migliorare significativamente la durata, a medio termine, degli impianti.

  • Ceramica - ceramica

Gli impianti in ceramica sono un'altra valida opzione per la sostituzione totale dell'anca. Questo accoppiamento si sono dimostrato possedere eccellenti proprietà antiusura, è l'opzione più indicata per la resistenza a lungo termine.

  • Metallo - metallo

Gli impianti dell'anca in metallo sono i più indicati per uno stile di vita attivo. Si compongono di una sfera metallica che scorre all'interno di una coppa anch’essa metallica, questo porta ad un'ottima resistenza all'usura. L’utilizzo di una testa femorale di grande diametro consente anche di eseguire una gamma di movimenti ancora più ampia